Batterio della Legionella: perché sui luoghi di lavoro si fa prevenzione mentre a casa no?

Batterio della Legionella: perché sui luoghi di lavoro si fa prevenzione mentre a casa no?

Batterio della Legionella: perché sui luoghi di lavoro si fa prevenzione mentre a casa no?

Un vero e proprio “buco” normativo ci espone all’infezione, e ci si ammala ogni anno di più.

Forse stiamo solo “scoprendo” sempre più casi di Legionella, grazie ai nuovi test più veloci che individuano il batterio tramite analisi delle urine…

Quindi si riesce ad individuare con maggior precisione la causa batterica di tante polmoniti che in passato non venivano approfondite a dovere…

E di certo aiuta il fatto che un po’ alla volta sempre più Regioni inizino a raccogliere dati sui contagi in maniera più precisa, per inviarli all’Istituto Superiore di Sanità che li aggrega a livello nazionale…

Ma una cosa è certa: le statistiche di crescita dal 1997 in poi sono disarmanti.

C’è un aumento esponenziale dei casi di contagio da Legionella in Italia

incremento dei casi di legionella in italia

E la cosa peggiore è che un numero, per quanto elevato, non riesce a trasmettere l’angoscia e la sofferenza che tutte queste persone contagiate hanno provato…

Né lo sconforto dei sopravvissuti che, sebbene sfuggiti alle statistiche ancora più tetre dei decessi, si ritrovano per anni con effetti a lungo termine debilitanti.

Affanno, incapacità di fare sforzi, difficoltà a camminare, perdita di memoria, disturbo post-traumatico da stress…

Questo grafico viene dal portale dell’epidemiologia per la sanità pubblica, dove si spiega anche che “il 77,4% dei casi è stato notificato da 6 Regioni (Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna, Toscana, Lazio e Piemonte), mentre solo il 22,6% è stato notificato dalle rimanenti 15 Regioni”.

È palese che qualcosa non va, c’è ancora molto da fare affinché arrivino da tutta Italia dati attendibili, quindi il numero dei casi reali di ammalati di legionellosi è ancora oggi molto sottostimato.

In questo scenario, le norme attualmente in vigore stabiliscono obblighi di controllo e attività di prevenzione sui luoghi di lavoro…

Controlli molto più approfonditi di quelli previsti per le case delle famiglie.

Infatti la legge impone che le autorità locali garantiscano la fornitura di acqua potabile solo fino al contatore

Da lì in poi, è responsabilità della famiglia o del condominio accertarsi che non ci siano batteri o altri contaminanti nell’impianto idrico delle abitazioni. Lo spiego molto bene in questo articolo dedicato proprio ai condomini.

La Legionella, secondo il Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro n.81/08 sulla sicurezza sul lavoro, è un agente biologico in grado di causare malattie nei soggetti umani. 

I luoghi di lavoro più a rischio contagio – per lavoratori e “visitatori” – sono ospedali, cliniche, case di cura, impianti per attività sportive, alberghi, campeggi, attività termali…

Ma anche tutti quelli in cui ci sia acqua che può venire nebulizzata in qualche modo, anche accidentale, perché il batterio entra nel corpo umano per inalazione.

In sostanza, ogni datore di lavoro – a prescindere dal maggior rischio o meno – è obbligato a valutare il rischio effettivo di Legionella in tutti gli spazi di sua responsabilità, nonché sottoporre questi ultimi ai trattamenti anti-legionella per evitare epidemie.

Ti dico la verità: sono più che d’accordo sul fatto che i luoghi di lavoro debbano essere controllati.

Si tratta di spazi in cui transitano decine, centinaia o anche migliaia di persone ogni giorno.

impiegati al lavoro e rischio legionella

Addirittura, una sentenza della Corte di Cassazione Penale (Sezione IV, sentenza n. 23147 del 12 giugno 2012) ha stabilito che la sicurezza sul lavoro non riguarda solo i lavoratori, ma tutti coloro che a vario titolo frequentano il luogo di lavoro: clienti, fornitori, subappaltatori, visitatori, etc.

Ed è vero che la trasmissione inter-umana del batterio non è quasi possibile…

Quindi è molto difficile che io sia contagiato da un collega che si è ammalato, o che lui infetti la sua famiglia una volta giunto a casa…

Ma se sono sottoposto alla stessa fonte di rischio, anche io potrei ammalarmi a mia volta.

Il punto è che tutte queste persone – operai di aziende, staff di centri sportivi, personale scolastico, e via dicendo – passano molte ore della loro giornata FUORI dai luoghi di lavoro, e di certo tornano a casa propria ogni sera.

Chi le controlla, tutte queste case? Se vogliamo proteggere gli italiani quando lavorano, non sarebbe il caso di proteggerli anche in casa loro?

Tra l’altro, consideriamo il tasso di mortalità della Legionella.

Arriva fino al 10% nei soggetti che erano sani prima del contagio…

Ma sale al 40-50% per le persone anziane, col sistema immunitario compromesso, già gravate di patologie alle vie respiratorie come i soggetti Covid-19, o che hanno subito trapianti di organi…

E sono tutte persone che NON LAVORANO, nella maggior parte dei casi.

Capisci l’ambiguità della cosa?

I controlli più accurati per prevenire e contrastare i contagi da Legionella sono effettuati nei luoghi di lavoro, dove paradossalmente il pubblico è costituito per la maggior parte dalle persone che si ammalano meno…

Mentre al contrario, le maglie della normativa sono molto più lente nelle abitazioni private, proprio dove passano molto tempo i soggetti più a rischio!

 

Vogliamo fare un discorso a parte per gli ospedali?

ospedali a rischio legionella

L’origine nosocomiale dei contagi è la causa primaria di nuovi casi ogni anno.

Significa che chi è ricoverato in ospedale potrebbe contrarre la Legionella molto più facilmente di chi è fuori dall’ospedale (lo conferma il già citato rapporto dell’ISS).

Quindi negli ospedali troviamo sia tanti lavoratori – il personale ospedaliero, sanitario e non sanitario – ma anche soggetti a rischio e visitatori, a migliaia ogni giorno.

A maggior ragione, la prevenzione fatta nelle case aiuterebbe a tenerci lontani dagli ospedali, dove il rischio di entrare in contatto con altri ceppi del batterio schizza alle stelle.

Le linee guida del Ministero della Salute per la prevenzione ed il controllo della legionellosi sono il punto di riferimento attuale per quanto riguarda il contenimento del rischio di contagi sul lavoro e la riduzione del numero di casi.

Per i luoghi di lavoro si deve intervenire sia con interventi preventivi che possano ridurre la presenza e la concentrazione di Legionella…

Sia con provvedimenti di intervento rapido nel momento in cui si scopre un contagio o un’epidemia.

Il decreto 81/08 stabilisce che “il datore di lavoro, oltre a prevedere interventi di protezione individuali e/o collettivi, deve operare in un’ottica di prevenzione, attraverso la definizione di “misure tecniche, organizzative, procedurali” volte ad evitare il rischio di esposizione”.

Perciò, se nei luoghi di lavoro c’è tutta questa attenzione, ma nei luoghi di lavoro è più raro trovare i soggetti più in pericolo…

Cosa possiamo fare per proteggere le nostre case, dove abitano anche tante persone più sensibili al problema, o addirittura con la salute già compromessa?

La cosa migliore è continuare ad attenersi alle linee guida del Ministero della Salute.

Bisogna fare controlli preventivi, soprattutto nelle abitazioni con tubature vecchie e impianti idrici che non ricevono adeguata manutenzione.

Una volta fatta l’analisi dell’acqua e la conta dei batteri presenti, se il numero va oltre la soglia di rischio e indica un pericolo per la salute umana allora bisogna intervenire immediatamente con lavori di sanificazione sull’impianto.

Il pericolo, infatti, è che aumenti il Grado di Intensità dell’Esposizione.

Si tratta di un indicatore che aiuta a prevedere quanto è probabile che ci si ammali di Legionella.

In poche parole, è quasi impossibile estirpare del tutto il batterio, ma si può contenerlo entro una presenza così bassa da essere innocuo per la nostra salute.

Di certo, un soggetto sano riesce a tollerare un Grado di Intensità dell’Esposizione maggiore di un soggetto a rischio.

Meno batteri ci sono nelle nostre tubature, e meno tempo passiamo in loro compagnia, e meno è probabile che ci ammaliamo di Legionella.

Per approfondire come funziona il Grado di Intensità dell’Esposizione ti consiglio di leggere la nostra indagine approfondita sui terribili effetti a lungo termine sperimentati da chi ha avuto la sfortuna di ammalarsi di Legionella.

Ora che hai capito quanto siamo esposti al pericolo di contagio nelle nostre case per la mancanza di una normativa “forte” quanto quella per i luoghi di lavoro…

…non ti resta che proteggere la tua salute e quella della tua famiglia richiedendo il set Anti-Legionella di Acqua Mamma.

Puoi farlo da questa pagina, e avrai la certezza di aver fatto la cosa migliore per i tuoi cari.



Un abbraccio,

Salvatore Abbate

P.S.

E l’acqua di casa tua è sicura? Scopri il Livello di Rischio dell’acqua delle tue tubature con il semplice TEST di Acqua Mamma. Rispondi alle domande in due minuti, avrai subito il risultato.

Comments are closed.